Cresce la tendenza al risparmio degli italiani

Nel corso del 2018, gli italiani nonostante il permanere di una congiuntura economica abbastanza problematica sono riusciti a far crescere le somme depositate nei conti correnti del 18%. La cifra in questione ha ormai raggiunto la ragguardevole cifra di 1371 miliardi di euro secondo i dati forniti dalla Banca d’Italia, di cui non meno di 300 sono stati accumulati proprio nel decennio della grande crisi seguita allo scoppio della bolla dei mutui Subprime. Si tratta in pratica di una cifra pari a oltre la metà del nostro debito pubblico e non molto distante dal prodotto interno lordo nazionale. A conferma del fatto che se le preoccupazioni relative ai conti statali sono abbastanza fondate, al tempo stesso sembrano del tutto esagerati i toni allarmistici con cui le istituzioni europee continuano a parlare del nostro Paese.

I conti correnti continuano ad essere  molto gettonati

Come si può facilmente dedurre da quanto detto sinora, i conti correnti continuano ad attirare il risparmio dei nostri connazionali, nonostante il fatto che ormai non diano praticamente più interessi apprezzabili, soprattutto da quando la politica dei tassi decisa dalla Banca Centrale Europea li ha portati praticamente a zero. Un livello dal quale, peraltro, non dovrebbero schiodarsi neanche nei prossimi anni, come ricordato proprio da Mario Draghi in una serie di dichiarazioni rilasciate nel corso delle ultime settimane.

Neanche i costi eccessivi dei conti correnti sembrano peraltro in grado di convincere gli italiani a optare per investimenti più remunerativi, ma anche più rischiosi. A tal proposito va ricordato come ormai i costi di un conto corrente bancario si approssimino ai 90 euro, un livello più elevato rispetto alla media europea, tanto da spingere molte persone a guardare con crescente favore a quelli online, per i quali i costi si attestano intorno ai 20 euro annui.

Se molte persone anziane preferiscono continuare a operare nelle filiali fisiche, la clientela più giovane e dinamica sembra ormai preferire decisamente la semplicità d’uso e la velocità delle operazioni portate avanti con l’online banking, una modalità che dovrebbe continuare a crescere soprattutto man mano che i Millennials si trasformeranno in consumatori maturi. Sul seguente sito informazioni sui conti correnti offshore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *